• Clienti
  • Fidelizzazione
  • Impianti Recupero
  • Impianti Selezione
  • Impianti Smaltimento
  • Partner1
  • Tonnelate Raccolte
  • Tonnelate Smaltite
  • Tonnelate Trattate

Waste Italia Spa

SERVIZI & ATTIVITA'

Obiettivo Zero Waste

L’obiettivo “Zero Waste” per Waste Italia non è solo un’idea utopistica a cui ispirarsi, ma una realtà tecnologica e sociale in grado di dare forza e competitività all’economia nazionale. Per concretizzare l’idea si ritiene necessario stipulare una sorta di alleanza tra i vari attori sociali: cittadini, istituzioni e imprese, perché il futuro è responsabilità di tutti, di chi produce i rifiuti e di chi li deve gestire in modo responsabile. 
Il mondo dei rifiuti deve essere considerato come un settore di opportunità, per l’ambiente e per il territorio così come per la competitività delle imprese, sempre affamate di materie prime e per la capacità innovativa del sistema industriale. Una vera e propria rivoluzione che porterà con sé nuova occupazione e rilancio industriale.
Anche nel settore in cui Waste Italia è specialista, cioè i rifiuti industriali, l’Italia è campione europeo nel riciclo con 24,1 milioni di tonnellate di rifiuti  recuperati su 163 milioni di tonnellate totali. Bisogna quindi partire dalle migliori pratiche già in campo per rilanciare il sistema di gestione rifiuti e farne un pezzo trainante dell’economia, dell’industria e dell’innovazione. In questo ambito si inserisce il progetto di Chivasso, in provincia di Torino "Waste End, l'officina dei rifiuti", puntando su tecnologie d’avanguardia e filiere innovative per l’Italia. 

schemi wastend3

Il principio ispiratore è quello dell’economia circolare: un principio che parte dalla progettazione di un sistema più efficiente nell’uso di risorse grazie ad un utilizzo massiccio delle fonti e delle risorse rinnovabilicon una forte capacità di innovazione e un design di prodotto fatto per durare, per il riciclaggio e il riutilizzo. La conversione energetica deve diventare carbon neutral, cioè senza emissioni aggiuntive di CO2 perché basata su materiali biologici, attraverso tecnologie di digestione anaerobica con recupero di biogas e con tecnologie più d’avanguardia come la conversione a bioetanolo delle matrici cellulosiche.